Riconosciamoci
1 Febbraio 2021
Quanto valgono le mie azioni?
15 Febbraio 2021

Siamo continuamente messi di fronte a scelte, bivi e decisioni da prendere, molto spesso si tratta di vere e proprie sliding doors in grado di influenzare la nostra vita a volte in maniera radicale, altrettanto spesso per paura diciamo NO, inventiamo scuse per non compiere un passo importante, mentiamo a noi stessi, sottostimiamo le nostre capacità al punto di non sentirci in grado di dire SÌ. Una semplice “particella” ampiamente sottovalutata nella sua espressione di pura energia positiva, abbiamo imparato che molte di queste riflessioni non sono il frutto delle fantasie new age di un qualche guru che vuol solo rimpinguare le sue tasche, ma vere e proprie bombe energetiche a nostra disposizione, in grado di smuovere montagne, di farci cambiare vita, di spingerci con enorme forza sulla strada per il successo, il SÌ è una di queste!

La mente umana, nei suoi ingarbugliati ragionamenti, specialmente per quelli che ci riguardano, è in grado a volte di generare un tale caos che quasi si comporta come un nemico e non come un alleato, un esempio calzante riguarda la pratica del . Un elemento così importante nella vita e così pieno di positività come il “sì” diventa a volte un ostacolo insormontabile, ciò accade quando cadiamo preda dell’abitudine di dire sempre di  ad ogni cosa, spesso lo facciamo per via delle nostre insicurezze, per la paura di perdere qualcuno, perché ci sottostimiamo e abbiamo la necessità di dimostrare qualcosa o per il timore di essere giudicati negativamente, oltre a mille altre motivazioni, iniziamo a dire sempre di  tutte quelle volte che vorremmo dire di no. A lungo andare questo atteggiamento passivo di approccio alla vita rischia di generare risentimento, deteriorare una relazione causando inevitabilmente insoddisfazione e stress.

 

Se sei positivo, vedrai opportunità anziché ostacoli.
(Widad Akrawi)

 

Sebbene per molti aspetti sia importante imparare a dire di “no” secondo me è altrettanto importante imparare a gestire il “sì”. Come perfettamente evidenziato nella pratica dello yin yang padroneggiare l’alternanza di queste due particelle è ciò che alla lunga contribuisce all’affermazione di noi stessi, se è vero che un semplice  o un altrettanto semplice no conducono spesso a soluzioni sbrigative, sappiamo anche che le strade brevi sono sempre le peggiori da intraprendere, abbiamo imparato che la vita è composta da mini obiettivi e traguardi a lungo termine e che tutto ciò è sempre frutto di un’accurata pianificazione, non possiamo mai pensare di raggiungere un traguardo senza soppesare minuziosamente l’effetto di un  o di un no, sia nell’immediato che in prospettiva futura. In rete troviamo migliaia di articoli che riguardano l’arte dell’imparare a dire di no, ciò perché siamo ormai talmente schiacciati dalla necessità di voler apparire, di emergere, che usiamo sempre più di frequente il  come una scorciatoia. Proprio leggendo molti di questi articoli, che pure trattano un tema molto importante legato all’autostima, mi sono chiesta come fosse possibile non prendere in considerazione il fatto che sia altrettanto importante padroneggiare un’affermazione così importante come il .

 

“Sic est, così è!”

 

Come ci suggerisce l’etimologia della parola ogni volta che diciamo di  dovremmo imparare a sentirne maggiormente il peso intrinseco, stiamo infatti in quel momento prendendo una posizione chiara, definita, un vero e proprio impegno, spesso senza pensare alle conseguenze. Nell’ottica del cambiamento interno che stiamo cercando di attuare, la parola no dovrebbe essere più spesso sostituita con un , iniziamo a pensare al  non più come una semplice particella affermativa ma come un vero e proprio traino di energia, sovente infatti ad un  se ne contrapporrà un altro, invitando il  nella nostra vita apriremo delle porte permettendo al possibile di varcare la soglia, scopriremo come tante volte si dice no alla vita stessa e come altre volte ci limitiamo solo ad osservarla, una vita così è piena di noia, colma di scuse per “non fare”, rimandare, evitare il cambiamento.

 

Quello che fai oggi può migliorare tutti i tuoi domani.
(Ralph Marston)

 

Con questo mio spunto non voglio incoraggiarvi a dire di  a qualunque cosa, ovviamente un sano e sonoro NO quando è necessario ci vuole e basta, ma vorrei farvi riflettere sull’importanza di acquisire consapevolezza nell’uso proprio del  e di applicare questa formula a noi stessi per primi, diciamo  al cambiamento, concediamoci ciò che ci siamo negati finora, tutte quelle piccole cose che con un semplice  possono aiutarci a farci sentire meglio, a padroneggiare maggiormente le nostre capacità, un semplice “sì, voglio farlo” sarà in grado di stimolare la nostra energia interiore rendendoci indietro tanta motivazione, mai come ora abbiamo bisogno di essere forti, tenaci e CONSAPEVOLI, in un periodo, questo, dove siamo costantemente circondati dai “no” è molto importante non dimenticare l’importanza di un , pensiamo a tutte le volte che abbiamo chiesto qualcosa di cui avevamo veramente bisogno e ci siamo sentiti rispondere “sì”, riviviamo quella piacevole sensazione di vittoria, la sensazione di leggerezza dovuta alla soluzione di un problema, come possiamo pensare di usare questa affermazione in maniera solamente meccanica? Ogni nostra parola dovrebbe essere sempre ponderata e ogni nostro pensiero attentamente valutato prima di essere esposto, ma il … lui, davvero, dovremmo imparare a usarlo meglio!

#GemmaDeiNumeri1