Kaichō
19 Gennaio 2021
Riconosciamoci
1 Febbraio 2021

Giù la maschera

Oggi affronterò con voi un tema spinoso riguardo la sottile linea di divisione tra l’essere furbi nel saper cogliere le migliori opportunità ma proponendo al contempo un’immagine credibile e realistica di se stessi, e l’essere furbi stupidi. Molto spesso infatti pensiamo di saper padroneggiare un’antica arte, quella della furbizia, che è retaggio di un tempo in cui non eravamo i “presunti” dominatori del mondo come ora e saper cogliere anche la minima opportunità poteva fare la differenza tra la vita e la morte. Essere furbi pertanto è una qualità che dobbiamo saper padroneggiare con estrema maestria ricordandoci sempre che il fine ultimo è la crescita interiore, non il sotterfugio; il miglioramento delle nostre caratteristiche peculiari e non un semplice escamotage per accorciare i tempi. Attenti quindi a scambiare la furbizia con l’arroganza, il passo è davvero troppo breve per non prestare la massima attenzione a questo piccolo dettaglio in grado di condizionare radicalmente la vostra vita, quando con la furbizia si riesce ad ottenere un miglioramento esso non dovrà mai calpestare la sincerità di chi vi sta di fronte, rischiereste così di risultare inaffidabili e perfino un po’ stupidi una volta smascherati, perché  è bene ricordare due importanti concetti: le bugie prima o poi vengono sempre a galla, non esistono veri furbi stupidi.

Se consideriamo che l’attribuzione di false professionalità può essere perseguita penalmente, ci rendiamo subito conto di quanto importante e profondo possa essere un argomento come la furbizia, spesso infatti si associa la furbizia ad una serie di aspetti negativi come le bugie, gli espedienti, i raggiri, l’arroganza e mille altri, tutti collegati al senso di stupore verso chi pensiamo ci abbia ingannato con un suo “furbo” espediente. Ciò perché nella stragrande maggioranza dei casi un’azione furba è messa sempre in piedi da una persona senza una grande forza di volontà, con pochi mezzi e risorse, che cerca con degli stratagemmi di guadagnare velocemente terreno sulla strada verso il successo, sappiamo che questa strada è lunga e impegnativa e sappiamo anche che essa è tortuosa e piena di ostacoli, nessun vero mentore vi dirà mai che esistono “stratagemmi” per percorrerla più velocemente, la furbizia pertanto non dovrebbe essere usata per cercare una scorciatoia ma deve diventare invece uno strumento con cui percorre MEGLIO e più solidamente la strada per il successo.

 

“Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita incontrerai tante maschere e pochi volti.”
(Luigi Pirandello)

 

Mai come in questi periodi di infinite chat e articoli siamo schiavi della terminologia, non riusciremmo pertanto a pensare alla furbizia senza attribuirle un sentimento negativo come l’inganno, la manipolazione o lo sfruttamento di debolezze altrui, sostituiamo pertanto furbizia con ASTUZIA, la quale, come da vocabolario, è la “spiccata attitudine a volgere a proprio vantaggio situazioni sfavorevoli.” Con l’astuzia ci troviamo immediatamente in una posizione favorevole e positiva, come possiamo pensare anche solo per un momento di usare l’inganno per ottenere qualcosa e pensare così di essere “astuti”, per superare una difficoltà ci vogliono tanta disciplina, forza di volontà e tenacia ferrea, caratteristiche certo non affini a un arrogante o peggio a un animo truffatore, non ci si deve considerare furbi per aver mentito con astuzia, quella è una truffa, non è una trovata geniale che ci ha fatto guadagnare punteggio o prestigio agli occhi del nostro interlocutore ma solo una menzogna, prestiamo pertanto sempre la massima attenzione a ciò che pensiamo di fare con ciò che poi facciamo veramente, essere furbi può voler dire ad esempio saper scovare qualche particolarità nel nostro interlocutore, magari ad una sola prima occhiata, usando poi la nostra intelligenza per far leva sui suoi sentimenti, ma il succo del nostro dialogo, le nostre referenze i nostri discorsi dovranno essere sempre basati su solide certezze. Poniamo ad esempio che io debba presentare delle credenziali, sarò furbo se le stamperò su quel particolare tipo di carta che ho notato tanto piace al mio interlocutore, ma il contenuto dovrà sempre, e ribadisco sempre, vero, reale e certificabile, allora sì sarò stato furbo ma leale; astuto ma sincero, avrò insomma fornito la migliore versione di me stesso.

 

“Bisogna diffidare di due categorie di persone: quelle che non hanno personalità, e quelle che ne hanno più d’una.”
(Anonimo)

Abbiamo visto come un semplice binomio quale astuzia e sincerità contribuiscono a semplificare la strada per il successo, ne consegue pertanto che imparare ad essere furbi vuol dire appunto sapere cogliere vantaggio da ogni situazione, favorevole o sfavorevole, certo perchè anche nelle situazioni favorevoli bisogna essere astuti e saper trarne sempre il massimo vantaggio, da una finestra di opportunità che potrebbe restare aperta solo per poco. Saper raccogliere tutte le mele mature da un albero vuol dire essere tenaci e leali, ma apprendere come usare anche tutti gli scarti, vuol dire essere furbi, significa semplicemente trarre profitto da tutta la situazione che ci si presenta, furbizia e astuzia non devono mai essere associate a sentimenti negativi perché se davvero impareremo ad essere furbi e astuti non avremo mai bisogno di raccontare nessuna bugia, non saremo disonesti, né tantomeno rischieremo di essere scambiati per truffatori o semplicemente delle persone mendaci. In ultimo vi esorto a non sentirvi immuni da queste spirali negative, spesso agiamo inconsciamente credendo di essere nel giusto e senza rendercene conto ci ritroviamo poi ad essere etichettati come furbi in senso negativo, prestiamo sempre attenzione a ciò che diciamo e a quello che scriviamo, ricordiamoci di non sottovalutare mai la controparte, commettendo così uno degli errori più comuni di sempre, non diamo spazio all’arroganza o l’egocentrismo, analizziamo sempre a fondo ciò che dichiariamo prima di farlo e facciamo un check di tutti punti evidenziati, riflettiamo se corrispondono alla realtà e all’immagine che vogliamo sia percepita, solo allora potremo mostrare il nostro volto, vero sincero e leale. Ricordiamo che vogliamo mostrare sempre la migliore versione di noi stessi.

 

#GemmaDeiNumeri1